martedì 31 luglio 2012

Ziti tagliati con bocconcini di maiale nero casertano.

Solitamente il food blogger scrive, pubblica e condivide la sua passione che vive nella propria cucina; 
raramente lui esce da questa per far assaggiare le sue creazioni a un pubblico di appassionati più vasto;
raramente lo si vede all’opera con grembiule e “mani in pasta”; 
raramente viene preso in considerazione come un esperto a cui affidare un grande evento.
Tutto questo è accaduto a un piccolo gruppo di food blogger, in una piccola cittadina della provincia di Caserta, Valle di Maddaloni. Zona votata per la coltivazione della Mela Annurca, una IGP che è il vanto di queste terre, che ha incontrato il Maiale Nero Casertano, una razza autoctona di questo territorio, che vive allo stato brado e che rischia l’estinzione causata dall’omologazione imposta dal mercato.
Questo il tema del  convegno, promosso dall'associazione Saperi e Sapori, a cui è seguita la degustazione di piatti preparati con questi ingredienti.
Piatti che ho ideato ed eseguito insieme ad Pasquale e Valeria


amiche food blogger Campane con altri tre cari amici arrivati per sostenerci ma che poi si sono integrati perfettamente ai nostri ritmi, tanto da sentirli indispensabili per la perfetta riuscita della serata.
Un esperienza che, seppure faticosa, ci ha lasciato la soddisfazione di aver ben eseguito il nostro lavoro e che ha incontrato il gradimento di un pubblico, composto da 250 persone, attento ed esigente, il quale molte volte ha anche chiesto di fare il bis.
Altri grandi prodotti sono stati presenti in questo show di eccellenze: 
il Provolone del Monaco dop, usato in tutte le nostre ricette;  
la Mozzarella di Bufala Campana dop, degustata in purezza, come è giusto che sia;
il pane, il pan brioche con la mela annurca e i dolci del Centro Studi Partenopeo 3 P
il Pallagrello rosso, un eccellente vino della cantina di Alberto Rossetti.

La nostra prima ricetta ha un’impronta classica, ma rinnovata e studiata per l’occasione.
Riporto, ovviamente, le dosi  a dimensione familiare


Ingredienti
500g di ziti di Gragnano
350g di polpa di Maiale Nero Casertano
2 barattoli di pomodorini datterini
½ cipolla dorata di Montoro
50 g di Provolone del Monaco dop
45 g di olio extravergine d’oliva
15 foglie di basilico
Sale

Preparazione
Tagliare la polpa di maiale a tocchetti di ½ centimetro quadrato, rosolarla in un tegame di rame con olio e cipolla per 5 minuti, aggiungere i pomodorini, salare e lasciar cuocere per mezz’ora.
A parte in una pentola con abbondante acqua cuocere gli ziti, scolandoli due minuti prima rispetto il tempo riportato sulla confezione, versarli nel tegame con il sugo, mantecare per un minuto e spegnere. Aggiungere il Provolone grattugiato e il basilico frullato insieme a un po’ di olio. Mantecare ancora e servire subito, magari spolverando con altro formaggio.


Note finali: il segreto di questo piatto è la qualità degli ingredienti; senza lesinare, devono essere eccellenti!
Se si usano ingredienti di scarsa qualità non potete avere le stesse emozioni sensoriali che abbiamo vissuto durante questa magica e intensa serata.

martedì 24 luglio 2012

Bocconcini di maiale con peschiole




Toc Toc!
Ci siete?
Penso proprio di si!
Vedo che le visite nella mia cucina  sono continuate numerose con mia grande sorpresa, nonostante la mia latitanza e la mia mancata presenza nelle vostre. Tranquilli non ero in vacanza, le mie ferie sono ancora lontane.
Periodo di impegni intensi, di incontri con tante belle persone, di esperienze che mi hanno temprata e rinnovata.
Adesso mi rimetto in carreggiata e un po’ alla volta metterò ordine in tutto ciò che ho abbandonato in questi giorni.
Comincerò dalla fine di questo periodo e a ritroso, attraverso le ricette che lo hanno contraddistinto lo ripercorreremo tutto.
E’ strana la vita! Certe volte ti mette sul cammino persone che seppure ti passano accanto silenziose e anonime ti lasciano un segno perché dietro quell’apparenza così tranquilla ci sono grandi uomini capaci di darti grandi cose.


Una di questi è Mario Parente, un produttore agricolo dell’Alto Casertano che utilizza metodi di agricoltura integrata trasformando i suoi  prodotti secondo tradizioni antichissime.
Il vanto e il fiore all’occhiello della sua azienda sono le Peschiole: pesche non mature, senza neppure il nocciolo, raccolte e conservate in agrodolce.
Credetemi, una tira l’altra, fino a finirne un intero barattolo e non accorgersene neppure.
Ma sono perfette anche nella preparazione di piatti insoliti e creativi.


Ingredienti
600 g di polpa di maiale
200 g di peschiole
½ bicchiere di vino bianco
Cipolla
Aglio
Rosmarino
Salvia
Olio evo
Sale
Farina

Preparazione
Tagliare la polpa di maiale a tocchetti regolari e infarinarli.
In un wok  mettere l’olio con cipolla, aglio, rosmarino e salvia, far soffriggere a fuoco dolce e saltarci i bocconcini di carne per 10 minuti; a questo punto sfumare con il vino, salare e aggiungere le peschiole intere o tagliate a metà.
Far cuocere per altri 2/3 minuti finché non si ottiene un sughetto cremoso e vellutato.
  


venerdì 13 luglio 2012

Una passione tutta Campana.


La Storia che sto per raccontarvi non appartiene a me né agli altri  protagonisti. Questa storia come ogni altra bella storia è di chi la legge, la fa sua e la racconta ad altri. Questa storia è la storia di un grande sognoche, come le migliori storie è incominciata e non si è compiuta.
Questa è la storia che racconta un incontro …. di due persone cercatori ed esploratori di tradizioni, di gusti, di folklore e abitudini della gente di appartenenza.”


Questo sogno comune ha dato vita a un progetto, nato per caso tra chiacchiere amichevoli e un bicchiere di vino che ci ha dato alle testa, ma che al risveglio ci ha fatto constatare che era il progetto che tutti volevamo.
Abbiamo dato il via alla costituzione di un’associazione di Food Blogger Campani, con l’intento di riunire membri(campani e di origine campana sparsi in tutto il mondo) con la stessa passione, per mettere in comune le proprie abilità e conoscenze e realizzare dei progetti concreti: eventi di beneficenza,
serate di degustazione,  laboratori pratici, esaltando e promuovendo le eccellenze del nostro territorio, alla scoperta di prodotti di nicchia e alla ricerca di segreti preziosi custoditi da pochi.
Tutto questo con un nostro marchio, un logo che ci contraddistingue ed è solo nostro:




Carissimi vi piace l’idea?
Nell’attesa di costruire un social network per raccogliere una numerosa community, aspettiamo l’adesione sul gruppo Food Blogger Campani di FB.
Intanto indossiamo i nostri grembiuli personalizzati a un evento di beneficenza dove i protagonisti sono il Provolone del Monaco dop, la Mela Annurca Igp e il Maiale nero casertano nell’incantevole cornice di Valle diMaddaloni.
Chi vuole cucinare insieme a noi è il benvenuto.

La Trappola Golosa
I Sapori del Mediterraneo
                                 

domenica 8 luglio 2012

Semifreddo alla mozzarella di bufala campana dop

Siamo in piena estate, temperature oltre i 30, e quello che da più fastidio è l’afa, l’umido che ti senti sempre sulla pelle e la grande voglia di refrigerarsi.
Quindi oggi una ricetta all’insegna della freschezza: niente forno, niente pentole!
Un semifreddo(quindi non c’è neppure bisogno della gelatiera), ma non uno qualsiasi….un semifreddo con la mozzarella.
Amo tanto dare sempre un tocco personale alle mie ricette: come tanti food blogger difficilmente copio e incollo. Rielaboro, sperimento, provo finché non nasce la mia ricetta!
Questa è una di quelle.......


Ingredienti
250 g di mozzarella di bufala dop
500 g di yogurt home made
500 g di panna fresca
4 albumi 
300 g di zucchero
80 ml di acqua
Il succo di 1 limone
Per decorare
Frutta fresca di stagione


Preparazione
Il giorno precedente tagliare a fette la mozzarella e riporla nel freezer, quindi scongelarla a temperatura ambiente e frullarla con lo yogurt finché non diventa una crema omogenea e vellutata.
Montare la panna e incorporarla a questo composto. 
Preparare una meringa all’italiana: in un tegamino versare acqua e zucchero, portare a ebollizione fino a 123° e versare sugli albumi a filo, lentamente montando con una frusta elettrica finché il composto non si raffreddi. Incorporare anche questo al resto, lentamente, aggiungendo anche il succo di limone filtrato.
Preparare uno stampo a cerniera di 24 cm, adagiando sul fondo un foglio di carta da forno tagliato seguendo la sagoma della base. Versare metà dose del composto, decorare con la frutta, versare la parte restante, livellare e riporre in freezer per 4 ore. Trascorso questo tempo, aprire la cerniera, capovolgere il semifreddo su un piatto da portata e decorare con altra frutta.


Note personali : io ho usato more e fette di limone freschi.
Un eccellente pasticciere della mia città mi ha consigliato di cuocere brevemente le more in uno sciroppo di acqua e zucchero; in questo modo si evita l’indurimento dovuto al congelamento, conservando comunque una consistenza succosa.
Poi ho avuto modo di avere un consiglio da un altro grande pasticciere riguardo la verifica della temperatura dello zucchero quando non si possiede un termometro.
Si immerge la punta di un cucchiaio o un coltello nello sciroppo, poi immediatamente in acqua ghiacciata: se lo zucchero si indurisce, legandosi tenacemente alla punta, il caramello è pronto.
Consigli preziosi da catturare al volo e custodire gelosamente!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...