martedì 6 maggio 2014

For the MTChallenge n 39: IL BABA'



Da quando partecipo all’MTC non mi sono persa mai una proclamazione, mai un 28 del mese che fossi uscita, mai che alle 21:00 non mi fossi incollata allo schermo. Ora invece me ne esco, dimentico il cellulare e rincaso poi beatamente pensando che quando tutto è sistemato, quando la peste dorme,  quasi quasi accendo il computer per vedere un po’ chi ha vinto. Quando tutto è ormai organizzato nella mia testa, neanche il tempo di girare la chiave che vengo travolta dalla ciurma di figli che con voci che si sovrappongono mi dicono di aver ricevuto tanti messaggi, che qualcuno mi ha telefonato…..Nella mia testa un terremoto di pensieri mi invade e poi realizzo. Controllo ed è così. Sorpresa, incredulità, emozione, preoccupazione, vuoto, smarrimento, felicità; tutto questo in un nanosecondo!
Inizio poi a saltare come una bambina, mi scaravento addosso a mia madre che è sdraiata sul letto e sopra di me con un tuffo ne arrivano altri due. Una casa chiassosa ed euforica dove ogni mio caro è consapevole di quello che sto provando e condivide.
La notte ho dormito beatamente sognando sartù, timballi, supplì, gattò, parmigiane, genovesi e ragù.
E poi anche pizze a libretto, calzoni e graffe.
Ma la mattina il mio primo pensiero è stato per il babà.
Nella mia casa si respira il profumo del lievito da sempre, ne sono impregnati i teli e le tovaglie, la farina nella credenza possiede già questa memoria, e talvolta lo sento anche quando sorseggio il caffè.
Nonne, zie, mamma ed io. Vite passate a impastare, generazioni che si tramandano antichi segreti insieme a un vasetto di lievito, come scrigni pieni di tesori preziosi. Il forno nei cortili in attesa delle fascine, la madia sempre pulita e il setaccio appeso a un grosso chiodo proprio sopra il sacco con la farina.
Questa è stata sempre la mia vita, questi i miei ricordi, questo il mio presente.
Nella mia terra non c’è un complimento più gradito che dire: si comm o'  babbà. Tu sei come un babà: dolce, succoso, aromatico, leggero e soffice.
Come già è stato detto da chi mi ha preceduta, auguro ad ognuno  di vincere almeno una volta nella vita l’MTC. Un’emozione che ho paragonato al mio primo bacio. Mi si direbbe: il matrimonio, la nascita dei tuoi figli, la discussione della tesi ? Si anche questi sono grandi traguardi nella vita di una persona, ma il primo bacio è tutt’altro. E’tutto insieme uno scambio di emozioni, un linguaggio fatto di intese e vibrazioni, un dare e avere profondo e coinvolgente, un sigillo che si imprime dentro.
E tutto questo per me è l’MTC e l’aver vinto la sfida n.38.
Raccolgo il saluto e l’augurio di Cristiana col cuore gonfio di gioia e vi dico: godetevi questo momento.
Un babà soffice, spugnoso e profumato vi regalerà emozioni impareggiabili! (Soprattutto il giorno dopo)


Versione con lievito di birra 
Ingredienti
300 g di farina bio tipo 0 Manitoba
3 uova cat a grandi
100 g di burro
100 g di latte
25 g di zucchero
10 g di lievito di birra
½ cucchiaino di sale fino

Lievitino
Sciogliere il lievito di birra con 50 g di latte tiepido e 1 cucchiaino di zucchero e impastarli con 70 g di farina, tutti presi dal totale degli ingredienti. Lasciar lievitare fino al raddoppio, coprendo la ciotola con un telo inumidito.
Primo impasto

Versare in una ciotola il resto della farina (230 g), fare la fontana, versarci il lievitino e le tre uova. Impastare schiacciando ripetutamente nella mano l’impasto per amalgamare le uova e aggiungere un cucchiaio alla volta di latte per ammorbidirlo un po’, man mano che se ne senta la necessità, facendo attenzione a non renderlo molle; poi impastare energicamente, sbattendolo verso la ciotola per una decina di minuti. Coprire e lasciar lievitare per 80/90 minuti e comunque fino al raddoppio.

Secondo impasto

In una ciotolina lavorare il burro a pomata, impastandolo con il restante zucchero (20 g) e il sale. Aggiungerlo al primo impasto  una cucchiaiata alla volta facendo  assorbire bene  prima di aggiungere  la successiva. Lavorare per 5 minuti nella ciotola, poi ribaltare l’impasto su un piano da lavoro e iniziare a lavorare energicamente piegandolo e sbattendolo più volte per 15/20 minuti. Qui bisogna avere tenacia e resistenza perché questa è quella fase in cui è possibile ottenere un babà spugnoso e morbido, capace di assorbire e trattenere la bagna.
Quando inizierà a staccarsi dalle mani e piegandolo manterrà una forma tondeggiante, senza collassare e vedremo l’accennarsi di bolle d’aria il nostro impasto è pronto.

 
Per poterlo sistemare agevolmente nello stampo preventivamente imburrato, staccare dalla massa dei pezzi di pasta schiacciandoli con pollice e indice, come volessimo strozzarli, ottenendo così 6 palline.
Una volta completato il giro, con l’indice  sigillare gli spazi tra una pallina e l’altra, coprire con un telo umido e lasciar lievitare in forno spento con luce accesa per 2 ore, fino a triplicare di volume.
Accendere il forno  a 220°, raggiunta la temperatura infornare, abbassare a 200° e cuocere per 25 minuti.
Dopo circa 10 minuti di cottura coprire con un foglio di alluminio, per evitare che la superficie scurisca.
A cottura ultimata lasciar intiepidire per 15 minuti e capovolgere il babà possibilmente in una ciotola larga e bassa.




Versione con il Lievito madre e lievito di birra 
Ingredienti
280 g di farina bio tipo 0 Manitoba
3 uova  cat a grandi
100g di burro
90 g di latte
25 g di zucchero
50 g di lievito madre rinfrescato
10 g di lievito di birra
½ cucchiaino di sale
Primo impasto
Versare in una ciotola 120 g di farina, fare la fontana, aggiungere 1 uovo, il lievito madre, lo zucchero e 30 g di latte tiepido. Impastare, coprire con un telo umido e attendere il raddoppio.
Secondo impasto
Versare in un'altra ciotola la restante farina (160 g), aggiungere il primo impasto e 1 uovo, sciogliere bene e amalgamare, poi incorporare il secondo uovo, Impastare  energicamente per 10 minuti, battendo contro i bordi della ciotola e aggiungendo man mano del latte a cucchiaiate. Sciogliere il burro a bagnomaria o in un microonde e versarlo a filo sull’impasto, incorporandolo lentamente. Per ultimo, in una tazzina “impastare” il lievito di birra con il sale finché diventa una cremina  liquefatta e aggiungere anche questa alla massa. Una volta incorporati tutti gli ingredienti, ribaltare l’impasto su un piano da lavoro e lavorare come descritto nel precedente procedimento.
Ricavarne 11 palline e sistemarle negli stampini monoporzione precedentemente imburrati. Ogni pallina deve arrivare a metà altezza dello stampino. Sistemarli in una teglia e lasciar lievitare in forno spento con luce accesa fino a quando triplicano di volume, fuoriuscendo dal bordo superiore formando una calottina di circa 2 cm.


Preriscaldare il forno a 200°, infornare, abbassare a 180° e cuocere per 20 minuti. A metà cottura coprire con un foglio di alluminio.
A cottura ultimata lasciar intiepidire per 10 minuti, staccarli delicatamente dagli stampini (basta reggere lo stampino con una mano e con l’altra tirare e contemporaneamente roteare leggermente la calottina) e adagiarli in una ciotola larga.



Per la bagna
1 lt di acqua
400 g di zucchero
1 limone
Versare l’acqua in una pentola, aggiungere lo zucchero e la scorza di limone, evitando accuratamente la parte bianca e lasciar sobbollire per 10 minuti.
Spegnere, lasciar intiepidire, passarlo attraverso un colino a maglie strette e versare sul babà ancora tiepido. Ogni 15/20 minuti, aiutandosi con un mestolino, raccogliere lo sciroppo sul fondo del babà e irrorarlo di nuovo. Continuare così finché non si presenta ben inzuppato e tratterrà lo sciroppo più a lungo, cedendolo sempre più lentamente. Adagiarlo su un piatto da portata, facendolo scivolare con molta attenzione.
Per i babà monoporzione il bagno sarà simile; dopo aver  versato lo sciroppo sopra, rigirarli dentro di esso ogni 10/15 minuti e comunque finché al tatto non abbiano la consistenza di una spugna inzuppata. Scolarli dallo sciroppo e adagiarli su un piatto da portata.

Crema pasticcera al limone
250 ml di latte
2 tuorli
2 cucchiai colmi di zucchero
2 cucchiai rasi di farina
1 limone
30 g di burro
Scaldare il latte e spegnere quando accenna a bollire.
Mettere a scaldare la pentola con l’acqua che servirà da bagnomaria per cuocere la crema.
Nella pentola dove invece cuoceremo la crema mettere i tuorli, lo zucchero e la farina setacciata; con una frusta amalgamarli energicamente e incorporare il latte versato a filo, continuando a mescolare. Passare nel bagnomaria a fuoco dolcissimo.
Tagliare il limone a tre quarti, infilzarlo su un forchettone e con questo girare la crema mentre cuoce.
Girare sempre nello stesso verso, senza mai fermarsi per almeno 15 minuti e comunque fino a quando non avrà raggiunto la densità desiderata. Spegnere, aggiungere il burro e incorporarlo con la frusta. Lasciar raffreddare girando di tanto in tanto. Sistemare la crema in un sac a poche e tenerla in frigo fino al momento dell’utilizzo.


Completiamo il babà
250 ml di rhum
100 g di amarene sciroppate
3 cucchiai di gelatina di albicocche
Scolare dal piatto lo sciroppo che sarà colato dal babà. Irrorarlo con il rhum a proprio piacimento, spennellarlo con la gelatina di albicocche precedentemente sciolta a fuoco lentissimo, decorare con ciuffi di crema pasticcera e completare con le amarene sciroppate.



Per ottenere un buon lievitato la qualità degli ingredienti utilizzati deve essere la migliore. Io ho usato uova freschissime, burro danese, zucchero finissimo (no a velo) e farina bio. Non faccio pubblicità di nessun tipo, ma riguardo la farina ci tengo a precisare che ho utilizzato la Manitoba 0 della Ecor. Per chi non la trovasse può guardare la tabella e scegliere una farina che abbia il 14/15% di proteine (la mia 14.4).
Consiglio riguardo i limoni reperirli freschi, appena raccolti, perché ricchi di oli aromatici che passeranno nella crema e nello sciroppo.
E per ottenere un ottimo babà spugnoso la fase essenziale è l’impasto: deve essere energico e lungo come ho precisato nella prima versione, senza desistere, fermarsi solo quando questo si stacca dalle mani, lasciandole pulite, quando accenna a fare le prime bolle, quando è sostenuto e tondo come una palla.
Il piano da lavoro dove impastare non deve essere di legno ma di marmo o altra pietra naturale, meglio ancora materiali plastici duri.



Forse qualcuno si chiederà ora perché abbia usato nella seconda versione del lievito di birra insieme al sale. Tutti sanno che questo non si fa, il lievito non va mai mischiato al sale perché questo blocca la fermentazione e nella fattispecie ammazza i saccaromiceti.
Però questa piccola stranezza nasce da un errore. Tempo fa leggevo che il sale inattiva il lievito di birra, non gli permette di avviare una fermentazione, però in un impasto con Lievito Madre, questa pappetta, definita scientificamente glutatione, permette di inglobare anidride carbonica sviluppando gli alveoli visto che questi sono sempre così difficili da ottenere in un lievitato con pasta madre.
Ma dov’è il mio errore? Il glutatione si sviluppa dopo mezz’ora di riposo di sale e lievito ed io questo passaggio l’avevo saltato, l'aggiungevo subito. Però visto che procedendo così comunque ho sempre ottenuto dei buoni risultati, preferisco continuare.

71 commenti:

  1. Antonietta ti dico solo una parola: grazie!
    Sono felicissima della scelta che hai fatto (e non ne dubitavo perché tutto ciò che è campano mi piace! :)). Bellissimo leggere le tue emozioni e il motivo che ti ha portata alla scelta del babà: mi sono commossa :)
    Grazie davvero! E buon MTC da giudice :)

    RispondiElimina
  2. Ma grazie Antonietta!!!!! Io mi butterò su quello con la pasta madre ....
    Buona giornata
    ilaria

    RispondiElimina
  3. E babà sia :) bellissimo post e spiegazione da manuale!

    RispondiElimina
  4. sono un disastro sui lievitati ma anche il babà s'ha da fà!! buon MTC!! (bello il paragone del primo bacio con l'emozione della vittoria mtc :-)
    cristina

    RispondiElimina
  5. Poesia! E conseguente felicità. Aspettavo da tempo di fare il babà, con soggezione e massimo rispetto. E adesso arrivi tu ad esaudire questo desiderio. Ho persino gli stampi a cono mai usati. Grazie Antonietta, il tuo babà è magistrale!
    Un grande abbraccio. Pat

    RispondiElimina
  6. Foto che invitano all'assaggio subito
    post molto bello
    ricette da incorniciare
    e meritata la tua vittoria fu...
    Buon lavoro sin d'ora e buon divertimento a noi :-)

    RispondiElimina
  7. Un'introduzione bellissima, piena di emozioni e passione.
    Complimenti ancora per la vittoria, in una sfida così particolare e grazie per questa meraviglia.
    Il babà lo conosco ma non l'ho mai preparato, quindi ci voleva proprio in una sfida dell'MTC.
    So che questo mese sarà bello impegnativo, soprattutto visto il sempre maggior numero di ricette, quindi in bocca al lupo più a te che a noi ;)

    RispondiElimina
  8. antonietta anche qui ti ripeto mi sento come se avessi vinto anche io (cosi siamo fatti noi campani ihiihihi ) la nostra terra ricca di amore e passione per la cucina e per le persone non posso che essere felice con il baba' . per il lievitato ( essendo i lievitati il mio lavoro ma soprattutto passione )
    spiegato alla perfezione il tuo post .
    p.s. mi sono immedesimata in te appena hai aperto la porta a casa tua ...bellissimo beh noi siamo cosi esageratamente amorevoli .

    RispondiElimina
  9. Antonietta, approfitto per farti tantissimi complimenti per la tua vittoria, perchè hai proposto una ricetta fantastica, di tradizione, complessa e assolutamente affascinante!
    Il tutto viene ora confermato da questo meraviglioso babà, che non ho mai fatto ma che ho sempre voluto voglia di affrontare: ecco, ora ho l'occasione giusta.... sperando di non fare mostruosità!!!! Grazie!!!

    RispondiElimina
  10. complimenti per la vincita e stavolta per me, niente te possino, anzi! Una ricetta che volevo provare da moltissimo tempo e che ho sempre rimandato, una ricetta che mio marito mi ha chiesto innumerevoli volte e che io ho sempre glissato, ecco adesso mi tocca e con piacere!

    RispondiElimina
  11. Sono stata sempre fedele ad una ricetta del babà, quella di Adriano e adesso, cara Antonietta, lo tradisco e ben volentieri provo il tuo di babà che mi sembra STREPITOSO! Grazie e buon lavoro!

    RispondiElimina
  12. Come sempre all'MTC una novità. Senza questa occasione propabilmente non mi sarebbe mai passato per la testa di fare "u babba" per cui grazie e spero di essere all'altezza

    RispondiElimina
  13. Meraviglioso!!!
    Mai cimentata, sono curiosa di mettermi alla prova, grazie!!!

    RispondiElimina
  14. Non ti puoi render conto di come mi hai fatto felice!!
    ;-)

    RispondiElimina
  15. Fantastico il tuo racconto emozionante e splendido post, ricco di particolari che arricchiscono una splendida ricetta
    Da trentina ammetto di non aver mai preparato e mangiato un babà (lasciando perdere qualche pasta che si trova in pasticceria che di babà ha solo la forma) pensavo che l'avrei preparato per la prima volta a luglio quando arriva a Trento il corso di Adriano e Paoletta proprio con il babà, ma tu ci regali questa splendida opportunità
    grazie cercherò di rendere essere all'altezza della ricetta
    buona giornata
    Manu

    RispondiElimina
  16. Complimenti per la vittoria e complimenti per questa ricetta realizzata alla perfezione, sarà molto difficile emularti! Baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
  17. Con questo post credo che tutti riusciranno a fare questo dolce tanto amato da noi campani.Stratosferico post in tutto.

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia e complimentissimi per la vittoria, una bella soddisfazione, come sarebbe ora affondare i denti in questo splendido dolce ricco di storia, tradizione! brava!

    RispondiElimina
  19. Antonietta, guardo le foto e vado fuori di testa!
    Per una golosa come me, il babà è il nirvana :)
    Lo farò per la prima volta e probabilmente senza di te non avrei mai preso coraggio per mettermi all'opera, soprattutto perché...sto antipatica ai lieviti! :D
    Ma, ne sono certa, faremo pace in nome del babà! :))))

    RispondiElimina
  20. Contentissima! Uno perché il babà è di casa, essendo campana, e pur facendolo spesso sul mio blog manca del tutto!! E due per questa bella versione con lievito madre; ci ho provato solo una volta ma con risultati disastrosi. Quindi non vedo l'ora di provare con la tua ricetta. Grazie cara.

    RispondiElimina
  21. tu si nu babà! E io sono felice assai!

    RispondiElimina
  22. Non l ho mai fatto,non so cosa riuscirò a fare ma voglio ringraziarti da subito per avermi regalato una ricetta nuova e per il post che hai scritto che nella sua semplicità mi ha quasi commosso...

    RispondiElimina
  23. Ciao Antonietta! Bellissimo il tuo racconto e bellissimi i tuoi babá!! Purtroppo non parteciperó..sigh...peccato perché salto essendo appena al secondo MTC,ma non ho lo stampo e neppure stampini cosí alti o bicchieri che vadano in forno. Le mie condizioni economiche non mi permettono correre a comprare stampini che,per altro,qui alle Canarie non saprei neppure dove trovare. Lo stesso dicasi per la manitoba che qui non sanno neppure cosa sia. Seguiró le evoluzioni dal di fuori!
    Un bacione
    Vera

    RispondiElimina
  24. carissima Antonietta
    innanzitutto.. complimentissimi per la vittoria!! sono stata via per cui non ho seguito il tutto.
    oggi mi ricollego e vedo il trionfo del babà.. sappi che mi hai reso una donna felicissimaaaaaaaaaa
    che maestria.. davvero!!
    la prima foto mi ha subito rapita ed ho già annotato gli ingredienti. non vedo ora di farlo e.. intanto.. grazie grazie grazie!!!

    RispondiElimina
  25. Sono addirittura commossa dalla gioia, te lo dico! Grazie infinite per questa bellissima opportunità e complimenti sinceri per la tua esecuzione magistrale di uno dei mostri sacri della gastronomia mondiale!!

    RispondiElimina
  26. Io sono strafelice e capirai bene il perché! W il babà!

    Fabio

    RispondiElimina
  27. Ogni volta che si scopre la ricetta della sfida è una grande emozione...ma ti confesso che questa volta lo è forse ancora di più, perchè il babà è un mostro sacro e io non l'ho mai fatto e alla sola idea che ci proverò a breve mi emoziono e mi emoziono ancor di più sapendo che seguirò la ricetta di una che, trapela da ogni riga e da ogni immagine di questo post, il babà ce l'ha nel sangue. Grazie!

    RispondiElimina
  28. Antonietta, che sfida!
    Da tempo immemore sogno i babà, ma mai ho preso il coraggio a due mani.
    Grazie per questo input.
    Complimenti per le ricette e la generosità nel proporre due varianti per chi usa lieviti diversi.
    Da domani brainstorming!
    Ti auguro una splendida serata
    Lou

    RispondiElimina
  29. Aiuto Antoniettaaa!
    Non so da dive iniziare! Spero di raggiungere un risultato accettabile!
    :-*

    RispondiElimina
  30. Sono stata completamente rapita dal tuo post. Da questo babà meraviglioso, che non vedo l'ora di provare!! sarà una sfida pazzesca!!! grazie cara Antonietta!!!

    RispondiElimina
  31. Caspita! Mi prenderò due giorni di ferie per babaizzarmi, oltretutto avendo la pasta madre mi tenta l'idea di provare la seconda versione.

    RispondiElimina
  32. Antonietta che bel post! Non amo tanto il babbà, ma tu mi hai assolutamente affascinata! Accetto la sfida ovviamente! Grazie davvero, sono ammirata!

    RispondiElimina
  33. Ancor tanti complimenti per la vittoria e per questo bellissimo post. Anche questa volta si annuncia una sfida interessante anche dal punto di vista personale. Non ho mai avuto l'occasione di provare il babà dov'è nato e ho il presentimento di aver assaggiato solo brutte copie. Così sono felice di cimentarmi a casa con questa preparazione e vedere cosa ne esce fuori. Se posso permettermi (deformazione professionale) vorrei spiegare l'utilizzo del sale in associazione del lievito di birra. Il sale determina la lisi, cioè la rottura delle pareti cellulari dei lievito. La cellula in poche parole esplode, rilasciando ciò che contiene al suo interno, tra cui il glutatione, che è una molecola formata da tre aminoacidi (i mattoni che costituiscono le proteine). un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  34. Complimenti per la vittoria, meritata...e grazie per aver scelto il Babà, lo adoro e lo faccio molto spesso...un caro saluto

    RispondiElimina
  35. Ancora complimenti per la vittoria e un grazie sentito per questa scelta.. io amo la cucina campana, e sogno di tornare a Napoli con il mio compagno che, pur essendo archeologo, non ci è mai stato e si è perso quella meraviglia di museo archeologico (e Pompei, ed Ercolano, solo per dire le mancanze più gravi). E poi non aver mai mangiato una pizza a Napoli, o una sfogliatella, ma come si fa dico io?! Vedremo di rimediare presto.. ma intanto questo babà mi farà sognare un po' di più e soprattutto un po' meglio!
    Bellissima scelta!! :)

    RispondiElimina
  36. Complice un mal di testa lancinante che mi tormenta da quasi una settimana, riesco a leggere e quindi commentare la ricetta della sfida solo oggi.
    Non posso che ringraziarti per la scelta che hai fatto e... a proposito... mi ero già congratulata con te per la meritatissima vittoria? Mi sa di no... lo faccio adesso da qui!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  37. Ho bisogno di un ricostituente! Sto male a vedere tutte queste meraviglie!! Mamma mia che bontà divine!!

    Se ti interessa è partito un contest dedicato alla pasta fresca sponsorizzato da Marcato!
    In palio c'è un buono da 50 euro da spendere sul loro sito e la possibilità di entrare nel nostro e-book con i relativi link a pagine e/o siti!

    Se vuoi dare un'occhiata questo è link dove trovare tutte le info.

    http://www.ilgolosomangiarsano.com/articoli/contest-pasta-fresca

    RispondiElimina
  38. Cara Antonietta, dopo aver dovuto saltare la sfida precedente (ero a rischio svenimento!) non immagini quanto sia felice di questa tua proposta! E ancora più felice perchè io ogni volta che vengo a trovare mia mamma la mangio praticamente sempre la squisitissima mozzarella di Bellopede!!!! Io sono Napoletana di nascita e ormai abito a Verona dall'89! Chissà che la prossima volta che capito giù non riesca a salutarti di persona....
    Un abbraccio forte
    Sandra

    RispondiElimina
  39. C'è solo da inchinarsi. Il babà però non è nelle mie corde, non ho neppure gli stampi. Poi realizzarlo senza glutine, onestamente, dopo l'esperienza del panettone, a Natale, non so se avrò il coraggio. Ma la tua ricetta è una goduria! Complimenti e piacere di averti conosciuta ;-)

    RispondiElimina
  40. Spettacolo allo stato puro!sono i miei preferiti e nella loro semplicità ti fanno sognare. la tua preparazione è perfetta e appena avro' un po' di tempo voglio provarla. ti abbraccio,peppe.

    RispondiElimina
  41. Se non avessi scritto che in casa tua si respira sempre il profumo di lievito, credo che lo avrei capito da questa ricetta: così accurata, completa e talmente "tua" da arricchirla con i tuoi segreti ed addirittura dal tuo "errore" che alla fine rende tutto perfetto. Ora però ne vorrei un pezzo ^_^...per cui prima o poi proverò la tua ricetta!!!! :-) A presto!

    RispondiElimina
  42. Ciao Antonietta ecco il mio babbà, l'ho pubblicato sul blog che ho in comune con due amiche ...in bocca al lupo! http://kitchenpinching.blogspot.it/2014/05/baba-babba.html

    RispondiElimina
  43. Forse l'ho già detto, ma te lo ridico di nuovo: fantastico! Ed ecco la mia versione:
    http://lasagnapazza.blogspot.it/2014/05/baba-alle-gocce-imperiali-crema-al.html
    Un bacione! :)

    RispondiElimina
  44. Mi sono presa per tempo in caso non fosse venuto bene al primo tentativo, ma così non è stato perchè la ricetta è veramente meravigliosa ............. grazie anche per le risposte chiare alle mie innumerevoli domande
    ecco il mio

    Babà alla grappa di Gewurztraminer con maroni canditi

    una ricetta deliziosa
    grazie Manu

    RispondiElimina
  45. Tu hai visto la mia mayonese veg ma..io al richiamo dei babà amica mia...non posso mancare!!!! come si fa?? Quanta maestria nelle tue mani!!Complimenti!!Un abbraccio!

    RispondiElimina
  46. E' la prima volta che visito il tuo blog e vedo questo meraviglioso babà...credo di averne visto fare uno uguale ad una lezione di Adriano di Anice e cannella che poi ho mangiato!! squisitoooo.Peccato non poter fare altrettanto con il tuo:))Bravissima davvero. Ti seguo con piacere e molta attenzione.
    A presto
    Angela

    RispondiElimina
  47. Ciao Antonietta! Grazie a te parteciperò al mio primo mtchallenge! Bella sfida!
    Il babà l'ho fatto, DELIZIOSO. Grazie per tutti passaggi chiari e funzionali ;)
    A presto, su mtchallenge!
    Vica

    RispondiElimina
  48. Antonietta, sono davvero stordita: dopo aver fatto la gelatina di albicocche APPOSTA per lucidare il babà, mi sono dimenticata la lucidatura. :-(
    Mi appello alla clemenza della corte... http://www.laapplepiedimarypie.blogspot.it/2014/05/baba-allalchermes-con-crema-allo-zenzero.html

    RispondiElimina
  49. Qui c'è tutto il profumo della mia terra,della mia cucina e non riesco ad andare via...sappi che ho ammirato la minestra qua sotto per circa cinque minuti,ahhh quei salumi quasi introvabili ultimamente ma indispensabili!E poi del babà che dire?Non c'è una pecca e le foto poi parlano chiaro...Complimenti Antonietta di cuore!

    RispondiElimina
  50. innanzi tutto mi scuso per il ritardo nell aderire al tuo superlativo blog...ho mollato la blogsfera per quasi un anno e solo adesso mi ci riavvicino timidamente..molte amiche virtuali mi hanno giustamente mollato.. un abbraccio sincero Simona

    RispondiElimina
  51. per questo MTC ho deciso di "babizzare" il mio dolce preferito e un classico della pasticceria palermitana. Due ricette in un post. Buona lettura http://www.stefaniaprofumiesapori.it/2014/05/il-baba-per-la-sfida-mtc-n39.html?m=1

    RispondiElimina
  52. CARISSIMA ANTONIETTA , NON HO PAROLE !!!!!!!! MI VIEN VOGLIA DI PRENDERNE UNA BELLA FETTA E' COSI' INVITANTE , BRAVISSIMA ....UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  53. Ciao Antonietta,
    innanzitutto complimenti per la ricetta e per le foto, sono davvero una tentazione, così irressistibile che pensavo di provare a fare il mio primo babà. Unico dubbio, pur essendo un'appassionata di cucina sono ancora alle prime armi e non ho molta esperienza con i lievitati (finora ho fatto solo qualche brioche...), secondo te ce la posso fare o è meglio che mi "alleni" ancora un po' con qualcosa di più semplice. In questo caso mi puoi suggerire qualche ricetta da sperimentare?
    Grazie mille!
    Giovanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei una appassionata, come una conseguenza logica ci riuscirai indubbiamente.
      Se vuoi cimentarti con il babà, seguendo magari la mia ricetta, senza tralasciare nessun particolare vedrai che ti riuscirai, visto che è adatta anche per chi è alle prime armi.

      Elimina
    2. Grazie per l'incoraggiamento, nel week end cerco stampo e farina e mi butto, ti farò sapere come va a finire...
      Un abbraccio e a presto.
      Giovanna

      Elimina
  54. ricetta favolosa Antonietta! ha conquistato me e tutti i miei commensali che si sono ricreduti sul babà...nonostante le mie varianti

    http://lagreg.wordpress.com/2014/05/23/signore-e-signori-il-baba-al-miele-e-mistra-con-lievito-madre-per-lmtchallenge-39/

    ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  55. Domanda, io amo i babba per il bagno gli puoi mettere anche qualche liquori dolce vero? che tipo secondo te? http://cintiasoto-photography.blogspot.com

    RispondiElimina
  56. Ciao Antonietta qui trovi la mia proposta:

    http://resistenzapoetica.blogspot.it/2014/05/baba-al-sentore-di-arancia-imbevuto-di.html

    e se ci sono riuscito io, vuol dire che la tua ricetta è veramente perfetta.

    Complimenti

    Un abbraccio
    Cristian

    RispondiElimina
  57. babà fatto appena vista la ricetta....per il post me la sono presa comoda :D
    grazie di cuore Antonietta per tutte le dritte!!
    http://www.lascimmiacruda.info/2014/05/27/il-baba-e-una-cosa-seria/

    RispondiElimina
  58. Ciao Antonietta, scusa se arrivo all'utlimo ma dovevo provare anche quelli monoporzione :)
    Grazie ancora, ricetta strepitosa!
    http://lasagnapazza.blogspot.it/2014/05/baba-con-crema-pasticcera-alla-menta.html

    RispondiElimina
  59. anche io ti porto la mia versione, grazie di avermi dato l'opportunità di preparare un così importante dolce,anche se le mie foto sembrano poco accattivanti non potevo non esserci, accantoanta l'idea di poter vincere, ti lascio anche un bacione http://cioccolatoamaro-paola.blogspot.it/2014/05/il-baba-con-quenelles-di-ricotta-gelata.html

    RispondiElimina
  60. Dovevamo essere ancora sotto l'effetto del babà, perché ci siamo resi conto di non aver messo il link né qui, né sul blog dell'MTC. Insomma, due screanzati :-) Meno male che voi siete arrivate lo stesso. Lo lasciamo comunque anche qui.
    http://assaggidiviaggio.blogspot.it/2014/05/mtchallenge-di-maggio-cera-una-volta-il.html

    Annalù e Fabio

    Anna

    RispondiElimina
  61. Eccomi anch'io, ancora leggermente traumatizzata! :D

    http://ilsorrisovienmangiando.blogspot.it/2014/05/mai-piu-dire-baba.html

    RispondiElimina
  62. eccoti Antonietta la mia versione: http://acquavivascorre.blogspot.it/2014/05/lanima-ed-il-corpo-dei-baba.html
    Ma non dirlo al mio moroso napoletano! per lui o rum o niente...

    RispondiElimina
  63. http://www.cappuccinoecornetto.com/2014/05/baba-al-limoncello-con-crema-al-mascarpone-e-frutta-fresca.html
    la mia versione!! :D
    spero ti piaccia e grazie mille millissimo per la bellissima ricetta!

    RispondiElimina
  64. Antonella ci sono, ci sonooooo!
    E grazie assolute per questa meraviglia di ricetta!!!
    Besos

    http://ilcoloredellacurcuma.blogspot.it/2014/05/baba-al-wisky-aromatizzato-allarancia.html

    RispondiElimina
  65. Ecco Antonietta e grazie di cuore per averci lanciato un guanto della sfida così delizioso.
    http://www.lacucinadiqb.com/2014/05/un-amore-di-baba-con-gelato-allarancia.html

    RispondiElimina
  66. Grazie Antonietta ci tenevo al tuo parere!

    RispondiElimina
  67. Grazie mille per questa meraviglia!
    http://conpaolaincucina.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...