lunedì 6 giugno 2016

Per la sfida n 58 dell'Mtchallange: La Pizza


La primavolta mi ha pervaso una gioia intestina che mi ha predisposto a un sonno agitato, sognando  opulenza, goduria, piacere, facendomela paragonare a una delle esperienze più intense della mia vita.
Invece la mia seconda vittoria all’Mtc mi ha fatto subito esclamare: oh nooo, questa non ci voleva,  “ mo’ nun è cosa”, facendomi spedire immediatamente un “ve possino”  attraverso la chat ai due autori.
( Fabio e Annalù vi voglio un mondo di bene, sono felice che vi abbia colpito la mia proposta, vi ammiro per il fatto che abbiate commentato entrambi ogni ricetta quasi in tempo reale - ma siete normali voi due? e vi invito ufficialmente per assaggiare la mia cheesecake e quello che ora vedremo)
Mi aspettava la settimana più intensa dell’anno: saggi vari e concerti del sedicenne, festa di chiusura anno scolastico dell’ottenne, festa degli scout del diciannovenne e infine sgoccioli della campagna elettorale del consorte a cui avevo dato disponibilità di un aiuto. Limato qualcosa, annullato altro mi son detta: qui mi aspetta la pizza! E confrontandomi con Alessandra Gennaro così è stato.  Mi sono rappacificata pensando che il resto del mondo potesse andare avanti anche senza di me, ma quando l’Mtc chiama, io ci sono, ci devo essere sempre e comunque. Sento come un dovere di spremere tutti i miei neuroni e dare il meglio di me stessa. Un “meglio” che viene fuori, come per il babà, dall’esperienza: generazioni che ci siamo tramandate la passione per i lievitati. E qui ho detto tutto. Si, spulcio anche qua e la per il web; divoro articoli di giornali e riviste, ma mai sono riuscita a fare un corso sui lievitati con tutti i crismi o acquistare libri di maestri affermati ed esperti.
Per cui se notate un linguaggio troppo poco tecnico, perdonatemi e se vedete delle lacune, fatemelo notare e chiedete pure spiegazioni.

Tre ricette differenti con metodi differenti ma con delle note comuni che vi premetto.
Farina Non vi mando a cercare farine di grani antichi, persi e ritrovati; non vi mando in paesi remoti dove li il grano si coltiva, si raccoglie e si porta dal mugnaio; non vi indirizzo al CNR perché li possano misurarvi la forza della farina. Tranquillizzatevi e usate una farina che voi ritenete adeguata, va bene una di tipo 0,00, semintegrale, integrale o di farro. L’unico parametro da tener presente è la percentuale di proteine, da cui dipende la formazione della maglia glutinica e di conseguenza l’elasticità dell’impasto. Dunque non dovete fare altro che leggere la tabella nutrizionale e cercare le proteine che nel nostro caso devono essere l’11/12.5%, con una forza da 220 a 380 W Di solito trovate farine di tipo 0 con questa percentuale.  Le farine forti ci permettono di affrontare lievitazioni lunghe, rendendo la pizza digeribile e buona.
Setacciare sempre le farine per ossigenarle, anche due volte e non importa se scegliete una integrale. Se rimangono residui nel setaccio, dopo aggiungerete semplicemente questi al resto già setacciato.
Acqua Per i lievitati io non uso acqua di rubinetto, perché essendo addizionata di cloro, questo inibisce la formazione dei lieviti (il cloro è un disinfettante, cioè distrugge esseri dannosi, ma anche quelli buoni, i nostri lieviti ovviamente)
Per cui acqua di bottiglia, oligominerale, meglio ancora se potete attingere  a una fonte naturale!
Idratazione Tre percentuali di acqua differenti, tenendo presente questa equazione: più idratazione, meno tempo di impasto, più croccantezza. Per cui se vogliamo una pizza tipo napoletana, metteremo meno acqua, lavoriamo a lungo l’impasto e otterremo un prodotto asciutto ma soffice.
Pensate all’americano pane senza impasto, l’idratazione sfiora il 90%, con una crosta caramellata e croccante e una mollica soffice e alveolata.
Zuccheri Nelle ricette non sono elencati, perché non indispensabili, infatti io non li ho usati. Però se volete siete liberi di farlo. Malto, zucchero o miele, un cucchiaino, aiutano la colorazione, danno quel sapore tipico di pane, o pizza nel nostro caso, donano croccantezza al prodotto finito.
Sale Tutti lo associamo al sapore, ma dona anche elasticità all’impasto e favorisce le altre caratteristiche che già vi ho elencato per lo zucchero: la croccantezza, la colorazione e l’aroma.
L’unico accorgimento: deve essere aggiunto sempre quando l’impasto si è già formato.
Lieviti Quando indico il lievito di birra, parlo del lievito compresso, il panetto che solitamente in commercio troviamo da 25 g
Per quanto riguarda il lievito madre io uso quello solido, come molti di voi sanno, rinfrescato almeno 24 ore prima. Per chi dispone di Li.Co.Li, basta fare le dovute proporzioni .
Qualche purista della pizza potrebbe contestare questa mia scelta. Il lievito madre dona conservabilità e sofficità ai lievitati, caratteristiche che non sono indispensabili a una pizza, ma a un pane. E poi digeribilità, ma usando quelle piccolissime quantità di lievito di birra e una lunga lievitazione (caratteristica comune in tutte e tre le ricette)si ottiene comunque una pizza digeribile, leggera e gustosa.
Quindi per me la scelta del lievito per ottenere un’ottima pizza è indifferente.
Nelle ricette è indicato 1 g di lievito di birra, quantità che necessiterebbe un bilancino da orefice, direbbe qualcuno voi. Tranquilli, se la vostra bilancia da cucina pesa da 5 g in poi, allora pesate questa quantità, prelevatene la quinta parte e il gioco è fatto. Se dovesse capitare che ne prelevaste di meno o di più i tempi di lievitazione saranno allungati o accorciati di conseguenza, ma consistenza e sapore non varieranno, perché comunque le quantità sono minime.
Per chi usa il lievito di birra granulare, un cucchiaino da caffè è sufficiente per le dosi date.
 Per darvi un’idea:


Piano da lavoro Personalmente preferisco il marmo o la fòrmica: la pasta non attacca e incorda meglio, mentre per grandi quantitativi uso necessariamente la madia di legno
Tempi di lievitazione Quelli indicati sono per temperature intorno ai 25°. Ovviamente in inverno saranno più lunghi e in estate molto più brevi.
Cottura Per ottenere una buona pizza è necessario il forno a legna. Roba da pochi fortunati!
Si potrebbe ovviare con un buon forno a gas o elettrico, ma questo dovrebbe superare i 300°.
Allora la soluzione è la pietra refrattaria? mi direte voi; ma non voglio obbligare nessuno a fare pellegrinaggi alla ricerca dell’oggetto misterioso.
Accontentiamoci quindi dei nostri  comuni forni di casa, con l’accorgimento di riscaldarli tanto, anche per mezz’ora dopo lo spegnimento della lucetta rossa, in modalità statico.
Da usare però teglie o pirofile in ferro, rame, ghisa, pietra (quelle di ultima generazione)e se in alternativa disponiamo di padelle con queste caratteristiche, allora smontiamo pure  il manico adeguandole al forno.
Per chi dispone di forno a legna: usatelo pure!


Pizza al piatto, tipo napoletana, metodo diretto



Mi sono lasciata ispirare dalla ricetta del disciplinare, seguendo le stesse proporzioni e lo stesso metodo d’impasto
Idratazione 55%
Ingredienti
450 g di farina
250 ml di acqua
12 g di sale
1 g di lievito di birra

Procedimento
Panetto dopo 20 minuti di impasto

Misurare l’acqua, versarla in una ciotola, prelevarne una piccola quantità in due tazzine differenti: in una sciogliere il sale, nell’altra il lievito di birra.
Versare il contenuto con il lievito di birra nella ciotola con l’acqua e iniziare ad aggiungere gradualmente e lentamente la farina setacciata a parte, incorporandola man mano all’acqua, poi finita la farina aggiungere il sale sciolto in acqua, continuare ad amalgamare  fino a raggiungere il “punto di pasta”. Il disciplinare dice che questa fase deve durare 10 minuti, a me è durata circa 5/6 minuti.
Ribaltare sul piano da lavoro e lavorare 20 minuti. Non sottovalutare questo tempo: è estremamente necessario per ottenere un impasto non appiccicoso, morbido ed elastico e una pizza soffice e asciutta.
Piegare e schiacciare ripetutamente, poi all’avvicinarsi dei 20 minuti l’impasto diventerà morbido e sempre più cedevole e infine avrà un aspetto setoso.
A questo punto riporlo in una ciotola di vetro o porcellana, coprire con pellicola e lasciar lievitare per 2 ore.

Panetto dopo la prima lievitazione


Panetti dopo lo staglio

Procedere alla staglio a mano.  Il disciplinare consiglia di ottenere dei panetti da un peso compreso tra i 180 e 250 g che corrispondono a tre panetti da 30 cm circa di diametro o quattro panetti da 22 cm circa di diametro.
Riporli su un telo non infarinato, perché essendo un impasto ben incordato, non si attaccherà durante la lievitazione, e lasciar quindi lievitare per altre 4/6 ore a una temperatura di 25°C (come previsto dal disciplinare).
Riscaldare il forno alla massima temperatura insieme alla teglia che servirà per la cottura, senza mai aprire lo sportello. Una volta che i panetti sono lievitati stenderne uno alla volta su un ripiano, stavolta va bene anche il legno, spolverato con farina di semola, senza usare il mattarello ma allargandolo con le mani, dal centro verso il bordo e poi, come fanno i pizzaioli veri, facendolo debordare roteandolo, in modo che avvenga un’estensione più delicata.


Prelevare lo stampo dal forno, trasferirci il disco di pizza, senza oliare, condire e infornare per 5 minuti al ripiano più basso, poi altri 4/5 minuti nel ripiano più alto. (il disciplinare prevede 90 secondi di cottura in forno a legna)

Cottura solo forno

Cottura fornello-forno


C’è un secondo modo di cottura, forse migliore rispetto al primo, perché produce immediatamente il classico cornicione alto tipico della pizza napoletana.
Scaldare il forno come per l’altro procedimento e scaldare contemporaneamente una padella di pietra o ghisa o comunque dal fondo spesso sul fornello della cucina, fino  a vederla “fumare”. Trasferirci il disco di pizza senza condire e lasciar cuocere per 2 minuti. Nel frattempo estrarre lo stampo  dal forno, trasferirci la pizza, condirla velocemente e lasciar cuocere in forno, nella parte più alta per 4/5 minuti e comunque finchè non risulti bella dorata.


In entrambi i casi la pizza è perfetta quando riusciamo a piegarla a libretto


Una  nota riguardo i pelati. Il disciplinare prevede che questi non vengano frullati o passati al setaccio ma frantumati e omogeneizzati con le mani.


Pizza in teglia con metodo diretto

Maturazione in frigo, lievitazione in teglia
Idratazione 65%
Consistenza:  morbida
diametro stampo 32 cm 
Ingredienti
450 g di farina
290 ml di acqua
12 g di sale
1 g di lievito di birra


Procedimento
Setacciare la farina, trasferirla in ciotola, fare la fontana, aggiungere il lievito di birra sciolto in una tazzina di acqua prelevata dal totale, il resto dell’acqua e il sale sulla farina, verso il bordo della ciotola.
Iniziare a incorporare man mano la farina,  intridendola con le dita e poi una volta terminato ribaltare sul piano da lavoro e impastare per 10 minuti, piegando e ripiegando più volte, schiacciando l’impasto senza strapparlo.
Trasferire in una ciotola, coprire con pellicola e lasciar a temperatura ambiente per 1 ora. Trasferire poi  in frigo per 8/10 ore, ma volendo anche 15/18  ore (le farine forti ci permettono questi tempi) .
Togliere dal frigo e lasciar a temperatura ambiente per 2 ore e comunque fino a quando l’impasto risulti gonfio.

Ribaltare sul piano da lavoro, stendere con le mani, senza schiacciare, ma allargando l’impasto dal centro verso il bordo, infilare le mani sotto il disco di pasta fino a poggiarlo su metà avambracci e traferire in una teglia oliata.
Lasciar lievitare altre 2 ore.




Riscaldare il forno come vi ho indicato, condire la pizza, infornare sul ripiano centrale e cuocere per 20 minuti. Controllare la cottura: se sotto si presenta bianca, abbassare il ripiano, viceversa sopra.

Pizza con lievito madre con prefermento

Maturazione in frigo, lievitazione in teglia
Idratazione 70%
Consistenza: esterno croccante, interno morbido
per 2 teglie quadrate da 25x25
Ingredienti
450 g di farina
320 ml di acqua
130 g di lievito madre
15 g di sale

Procedimento
Sciogliere con un frullino il lievito madre con 130 ml di acqua, aggiungere 130 g di farina, incorporare velocemente e lasciar riposare per 2 ore.
Setacciare il resto della farina, trasferirla in ciotola, fare la fontana, aggiungere il lievito madre,il resto dell’acqua e il sale sulla farina, verso il bordo della ciotola.
Iniziare a incorporare man mano,  intridendo con le dita e poi una volta terminato ribaltare sul piano da lavoro e impastare per una decina di minuti, sbattendo e piegando più volte,strech and fold .
Fare una palla, trasferirla in ciotola, coprire con pellicola e mettere subito in frigo. Lasciar maturare 8/10 o come vi dicevo prima anche più ore.


Togliere dal frigo e lasciar a temperatura ambiente per 2 ore e comunque fino a quando l’impasto risulti gonfio. Ribaltare sul piano da lavoro, stendere con le mani, senza schiacciare, ma allargando l’impasto dal centro verso il bordo, infilare le mani sotto il disco di pasta fino a poggiarlo su metà avambracci e traferire in una teglia oliata.


Lasciar lievitare altre 2 ore.


Riscaldare il forno come vi ho indicato, condire la pizza, infornare sul ripiano centrale e cuocere per 20 minuti circa. Controllare la cottura: se sotto si presenta bianca, abbassare il ripiano, viceversa alzarlo.



Ora tutti a leggere il post di Alessandra per il regolamento di questo mese, sul sito dell' Mtchallenge
E buona pizza a tutti con la sfida n 58


59 commenti:

  1. Se non te, nessuno mai! Ti amo!!! Solo che lunedí ricomincio la dieta senza carboidrati per cui devo mettermi subito all'opera :)

    RispondiElimina
  2. Amoti, di tutto l'amore possibile e immaginabile. Non tanto per la scelta del tema (e già lì mi era venuto un coccolone, perché penso che per quanto mi riguarda tema più bello non sarebbe potuto esserci), ma per come l'hai trattato, per tutti i sapienti consigli che hai dispensato dai quali ho già capito alcuni errori che in passato mi hanno portato a pizze inspiegabilmente venute non bene come al solito. Io da anni faccio lievitazioni lente in frigorifero, e con così poco lievito può capitare che il cloro dell'acqua del rubinetto incida... non ci avevo mai pensato. GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE. Questo mese #bastapasta, solo pizza!! :)

    RispondiElimina
  3. per me sarebbe un vero sogno riuscire a fare la pizza col cornicione classico come una vera napoletana, un sogno!!! Grazie per questo post dettagliatissimo, me lo stampo e me lo studio con grande attenzione!! Buon Mtc!

    RispondiElimina
  4. Ti adoro, non te l'ho mai detto, ma è giunto il momento di esternare il mio affetto per te!!! Ricette meravigliose, spiegate in maniera semplice e dettagliata che ci aiuteranno a preparare Dell pizze incredibili! Grazie mille Antonietta

    RispondiElimina
  5. Splendido post ricco d'informazioni per permetterci di preparare un'ottima pizza
    Grazie per questa bellissima opportunità che ci hai regalato

    RispondiElimina
  6. Grazie Antonietta, faccio la pizza da anni con tutti i lieviti compresi madre e licoli, adesso sono tornata a quello di birra, 1 g e mi trovo bene, però sull'acqua hai proprio ragione e l'acqua di Roma è ancora peggio, di solito la faccio con lievitazioni molto lunghe ma proverò il tuo primo esempio,grazie ancora

    RispondiElimina
  7. Grazie te lo dico anch'io. Col cuore. Proprio ieri sera ho fatto la pizza e non ero completamente soddisfatta. Buonina ma .... e stavo giusto meditando dove continuo a sbagliare. Adesso lo so. Mi son già attivata per cercare una teglia degna (e uno si risolve) mi preoccupa solo il forno. Che poi è sempre il punto dolente dei miei lievitati: impasto magari perfetto e poi la cottura rovina tutto. Magari convinco il marito a cambiarlo ... secondo me la pizza può fare anche questo ;-) ciao buona settimana e buona sfida. Sarà un trionfo di ricette come quella del babà.

    RispondiElimina
  8. Meraviglioso, semplicemente meraviglioso. Grazie!

    RispondiElimina
  9. Anche io come la Galluti: sogno la pizza con il cornicione e la sogna anche mia madre dopo che l'ha assaggiata a Napoli.
    A questo punto sappiamo che il metodo che abbiamo sempre utilizzato in casa è il secondo, ma io mi butto, appena possibile, sul primo. Ci siamo, è la volta che riesco ad ottenere ciò che desideriamo. Spero solo di esserne capace.

    RispondiElimina
  10. Scusa mi è partito il commento, hai dato una spiegazione molto dettagliata è quasi impossibile sbagliare, il cornicione non sono mai riuscita a farlo e stavolta deve venire, seguirò passo passo le tue spiegazioni. Sono contenta, volevo la pizza già dall'altra volta e stavolta sono stata accontentata, dico la verità, non ci speravo più. Grazie

    RispondiElimina
  11. Wow! Non riesco a dire altro... :)

    RispondiElimina
  12. Con le tue spiegazioni che stamperò e studierò a memoria se scagliò la pasta prendo la nazionalità francese e rinnego quella italian :-))) Grazie !!!!

    RispondiElimina
  13. Fantastico, non ho parole. Grazie davvero. Finalmente!

    RispondiElimina
  14. Pizza il mio cibo preferito quello che cucino sempre il sabato ... la adoro!!! Non vedo l ora di provare queste belle ricette. Il tuo post é una favola. DAVVERO non ho parole per dire quanto io sia felice é il piú bel Mtc di sempre!!!! Grazieeeeeee

    RispondiElimina
  15. Ma grazie di questo splendido post!!!

    RispondiElimina
  16. È tutto stupendo Antonietta!!!! Questa è la volta buona che imparo a fare una pizza da re!!! Sei super!

    RispondiElimina
  17. Che figata!!!!!! si può dire o è troppo sboccato? E' esattamente quel che ho pensato nel vedere il tema della sfida. Il post mi pare una bibbia e ora stampo e studio.
    Grazie per tutta questa generosità

    RispondiElimina
  18. Antonietta si sa...È la numero uno. Una bravura ed una dedizione unica.

    RispondiElimina
  19. Antonietta ti adoro. Che bel post che ci hai regalato. Hai il dono di rendere tutto chiaro e semplice. Grazie davvero

    RispondiElimina
  20. Antonietta grazie!! Per la generosità di questo post, per tutti i consigli e per il lavoro fatto. Sognavo questa sfida e con la tua vittoria un po' ci speravo. E' un "piccolo" sogno che ho da quando sono piccola, imparare a fare una pizza degna di questo nome. Grazie ancora.
    Un abbraccio enorme
    Marta

    RispondiElimina
  21. sei fantastica. Adoro i lievitati e di sicuro imparerò qualcosa anche questo mese!
    un bacio

    RispondiElimina
  22. Fare la pizza in teglia quasi tutti i sabati ed esserne soddisfatta una volta su 10...cosa dici ho margini di miglioramento? Grazie per questo post chiaro e dettagliato, spero di riuscire a fare finalmente una pizza degna di questo nome!!!!

    RispondiElimina
  23. Letto tutto avidamente...e non vedo l'ora di iniziare!!!
    Grazie infinite!!

    RispondiElimina
  24. CArissima.... mi hai riportato il sole...

    RispondiElimina
  25. eehhhhh e moooo partecipo antonietta? :)
    ma sai che io ti adoro non ho voglia di vicere l'mtc leprche' le due ricette che avrei fatto per la grande scuola sono proprio il baba' e la pizza :)
    ora non so che fare :) .... bello bell0bello

    RispondiElimina
  26. una vera, totale, assoluta meraviglia, le proverò tutte.

    RispondiElimina
  27. Cara napoletana, nelle tue vene scorre un terzo di plasma, qualche globulo rosso e pure un terzo di pummarola. Tutta questa pummarola pompata nel sistema arriva diritta al cuore dove prende le sembianze di una pizza, perché , per un napoletano, c'è forse una ricetta di più, più di cuore della pizza? Ecco davanti al tuo meraviglioso e rispettoso lavoro io mi sento quasi in soggezione , eppure sono napoletana pure io.

    RispondiElimina
  28. Diciamolo, un po' ci speravamo! :-D Non l'abbiamo proposta noi proprio per le competenze e l'esperienza richiesta per proporre questo tipo di ricetta semplice solo all'apparenza. Mi dispiace averti creato qualche impegno in più. Vedrai che sarà un mese intenso, ma anche bellissimo.
    Ancora complimenti e buona sfida, questa volta come giudice :-)

    Fabio

    RispondiElimina
  29. Ecco un altro fantastico post da stampare. Quest'estate ho parecchio da leggere e...da provare, altro che libri! Grazie

    RispondiElimina
  30. Ti ammiro infinitamente per la tua immensa generosità <3
    Se uno non riesce a fare una buona pizza con le tue spiegazioni dettagliatissime, peste lo
    Colga!
    Grazie ancora Antonietta!!

    RispondiElimina
  31. Bellissimo manuale! Bellissimo post! E ...non c'è niente da fare...viene voglia di provare ;).

    RispondiElimina
  32. Complimenti per il bellissimo e dettagliatissimo post! Spiegazioni perfette! ora solo studio e onorare la tua sfida!!! Grazie davvero!!!!

    RispondiElimina
  33. Finalmente la pizza spiegata e raccontata da chi ne sa veramente e da chi ha quella generosità immensa e senza limiti che ci permetterà di ottenere una pizza strepitosamente buona e la ola dei nostri ospiti.
    Non vedo l'ora di iniziare! grazie Antonietta per questo post stupendo, già stampato e incorniciato!
    Baci
    Franci

    RispondiElimina
  34. Ma io le faro' tutte e tre e il tuo post sarà' stampato è conservato nella sezione ricette del cuore!

    RispondiElimina
  35. Hi! Beautiful post))
    Do you want to follow each other on GFC?
    Let me know and I will follow back))
    http://www.alinatheone.ru

    RispondiElimina
  36. Una tale delizia non potevo farla aspettare troppo quindi eccomi con la

    Pizza al piatto doppia cottura

    Grazie per la splendida proposta e per la ricchezza del post
    a presto e buona notte
    Manu

    RispondiElimina
  37. Eccomi finalmente a leggere il tuo articolo, tra un esame e l'altro, in ore piccole. Anzitutto complimenti, per la meritatissima vittoria con la tua meravigliosa cheesecake, e per aver scritto queste perfette istruzioni in così poco tempo. Sono appena entrata in MTC, mi sto ancora orientando, ma mi ritrovo una preparazione a me piuttosto familiare. Farò del mio meglio, nel pochissimo tempo che ho a disposizione, cercando di non fare cavolate e di non andare dietro le mie fantasie improvvise (sono un po' allergica alle regole, ma questa volta farò la brava :D )
    Un caro saluto, a presto
    Maria Teresa

    RispondiElimina
  38. Siamo stati un po' gli artefici di questa sfida è subito ci siamo rimessi in gioco con la nostra prima proposta:
    http://www.assaggidiviaggio.it/2016/06/mtchallenge-di-giugno-la-pizza-gourmet.html

    RispondiElimina
  39. tutto bello, ma... 1 cucchiaino di lievito granulare secco pesa oltre 1g e già 1 g equivale a 3 g di lievito di birra compresso. Ergo, se si usa il lievito granulare occorre giusto la punta di un cucchiaino.

    RispondiElimina
  40. Antonietta, so che può sembrare incredibile, ma trovo solo oggi il tempo di leggere il tuo post.
    Tre sole parole: I LOVE YOU!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  41. Amo i lievitati, tutti! Impastare, veder crescere la pasta, dare la forma... Questo per me sarà l'Mtc più bello di sempre! Grazie grazie grazie, per la sfida scelta e soprattutto per il tuo articolo da cui imparerò tanto! Non vedo l'ora di iniziare!

    RispondiElimina
  42. mamma mia! luce per i miei occhi e sinfonia per il mio cuore che ama la pizza fatta ad arte alla follia! mi segno qst tuo articolo tra i preferiti! subito! :D

    RispondiElimina
  43. eccomi http://www.sosidolcesalato.com/2016/06/pizza-pizza-pizza.html

    RispondiElimina
  44. Eccomi con la mia seconda proposta con la pizza in teglia con lievito madre

    Pizza trentina in teglia con patate e speck

    Se arrivo provo vorrei fare anche la terza alternativa
    Grazie a presto
    Manu

    RispondiElimina
  45. Buonasera complimenti per la vittoria e per lo stupendo post sulla pizza. Da qualche mese seguo, da esterna, MTC con sempre maggior interesse e ovviamente questo sulla pizza richiede che io sperimenti la ricetta...però non ho teglie o pirofile dei materiali indicati. Posso ovviare in qualche modo? Grazie Silvana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvana tutte le possibile alternative le ho indicate, persino la padella a cui svitare il manico. Se non ti è possibile usa quello che hai.
      Se poi avventurati nella pizza ti piace e decidi di farla regolaermente allora ti consiglio di fare un piccolo investimento di 25/30€ e acquistare un teglia adeguata

      Elimina
  46. Complimenti Antonietta, splendido post, con indicazioni precisissime ed esaurienti. Impasto ottimo, pizza speciale. Che dire di più?
    Grazie di cuore :*
    Mari
    Questa è la mia proposta.
    http://lasagnapazza.blogspot.it/2016/06/pizza-al-piatto-con-peperoni-in.html

    RispondiElimina
  47. Ciao Antonietta! Ecco la mia proposta! Grazie per le dritte! http://pasqualinaincucina.blogspot.it/2016/06/ma-tu-vulive-pizza-pizza-pizza.html

    RispondiElimina
  48. Antonietta ciao che post interessante!
    Io adoro la pizza.
    grazie per averlo condiviso.
    Ti seguo volentieri.
    Alla prossima

    RispondiElimina
  49. so che hai già visto capolavori assoluti, e so anche che la mia fotografata è troppo cotta, ma se e quando hai tempo mi piacerebbe un tuo parere su cosa avrei dovuto fare di diverso. Tenendo conto che il mio forno ha pure un programma "lievitazione" e uno "cottura pizza" che ovviamente non ho usato. Se puoi grazie mille! http://acquavivascorre.blogspot.it/2010/02/i-tavoli-dei-crotti.html

    RispondiElimina
  50. La pizza ha sempre un suo perchè, ma complimenti per le tue spiegazioni!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
  51. Nera dalla vergogna per le foto fatte di super fretta ecco la mia pizza venuta soffice e buona con il carbone vegetale gluten free.
    Buon fine settimana, Marica

    RispondiElimina
  52. http://www.cookingwithmarica.net/pizza-con-carbone-vegetale-gluten-free-per-mtch58/ eccola scusa. ciao marica

    RispondiElimina
  53. Eccomi con la mia ultima proposta

    Pizza in teglia lunga maturazione con sarde

    Grazie per la meravigliosa sfida e le splendide ricette
    buona notte
    Manu

    RispondiElimina
  54. Ti ho ringraziato 20000 volte ma solo ora mi ricordo che per essere in gara bisogna anche postare il link. Mi sono rimbambita :) Ecco la mia pizza per la tua sfida e grazie grazie grazie, ancora

    http://www.fairieskitchen.com/2016/06/pizza-napoletana-al-piatto-bufala-limone-alici-mtc58.html

    RispondiElimina
  55. Andata! grazie!

    http://sexandgiuliaskitchen.blogspot.it/2016/06/un-mandala-nel-piatto.html

    RispondiElimina
  56. un grazie infinito per avermi fatto conoscere queste splendide ricette!
    http://www.dolcizie.ifood.it/2016/06/pizza-in-teglia.html
    Sara

    RispondiElimina
  57. In ritardo, certo, ma ho postato ugualmente per ringraziarti di quanto ci hai trasmesso. Un abbraccio. http://www.lacucinadiqb.com/2016/06/scacco-matto-pizza-al-piatto-con-petra.html

    RispondiElimina
  58. Grazie per la favolosa ricetta che certo non si lascia più, ci hai insegnato a fare la pizza!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...